PAOLO

PESSARELLI

PENSO ALLA MOLTITUDINE DELLE ESISTENZE E NEL CONTEMPO ALLA LORO UNICITA’, AL VALORE DELLE STORIE INDIVIDUALI CHE SONO STATE E 

NEL TEMPO DIMENTICATE

paolo_pessarelli.png

Scrivere una biografia è raccontare un’esperienza, benché l’esperienza di un individuo sia qualcosa di inafferrabile. Ronald Laing scrive che ogni uomo è invisibile all’altro e che questa esperienza non trasferibile è ciò che si è soliti chiamare anima.

 

Sono nato a Milano nel dicembre del 1959; mi sono laureato in economia e ho seguito i corsi liberi d’arte all’Accademia di Brera. Ho sviluppato una carriera manageriale all’interno di una multinazionale farmaceutica. Ho un figlio che è un uomo meraviglioso.

Ho ininterrottamente convogliato gli apprendimenti, le emozioni e le quotidiane consapevolezze nel progetto artistico che rappresenta il reservoir della mia vita e a cui ho deciso di dedicarmi in modo esclusivo per provare a raccontarlo.

 

Perché l’arte è una qualità che permea un’esperienza.

(John Dewey)